Chiudi
0577 42102 cantagalli@edizionicantagalli.com

La coscienza filiale del credente

Riflessione teologico morale e pastorale

39,00

Dettagli

 Autore: Paolo Avinio  Pagine: 852  Formato: 15,5x24  ISBN: 9791259621795

Acquista la versione eBook

Descrizione

Il recupero della soggettività, a partire dalla svolta kantiana, è un dato irrinunciabile della cultura moderna, che implica altresì la riscoperta della coscienza. Nel contesto della società pluralista odierna la questione della coscienza per la teologia morale riemerge nuovamente, unitamente alla questione della libertà religiosa e della libertà di coscienza. Il Concilio Vaticano II in GS 16, DHu 2-3, VS 54-61 ha offerto il suo contributo per un’integrazione cattolica della coscienza nel contesto della modernità. Si deve tuttavia riconoscere che attualmente il ruolo della coscienza risulta ridotto venendo intesa come espressione dell’individualità e della genialità personale e non piuttosto come espressione del rapporto immediato alla verità morale che trascende la persona. Ne deriva il soggettivismo della coscienza presentata come luogo di creazione di valori che in ultima analisi è la conseguenza di una concezione riduttiva dell’uomo e delle sue capacità cognitive. La ricerca presentata in questo libro vuole entrare nel dibattito per cercare di offrire una soluzione. L’autore muove dalla convinzione che solo attraverso uno sguardo storico sulla coscienza nell’ambito della teologia morale cattolica ed una sua considerazione antropologica secondo la prospettiva della filiazione si possa giungere ad una corretta ermeneutica della coscienza e del suo impiego in teologia morale e nell’accompagnamento pastorale della Chiesa.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La coscienza filiale del credente”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *